Trattamento Dermoriflessologia

//Trattamento Dermoriflessologia
Trattamento Dermoriflessologia 2018-08-30T17:41:03+02:00

Accedere all’inconscio

Perché scegliere di fare un trattamento di Dermoriflessologia?

La risposta è molto semplice, siccome tutti i circuiti energetici che possiamo trattare sono interni al corpo, ad esempio i meridiani della medicina cinese; o sono esterni al corpo, come il campo eterico e i corpi sottili (aura), serve comprendere in che modo questi si rigenerano.

La luce è l’alimentazione del sistema energetico e dell’energia vitale, basta vedere le piante che, senza luce muoiono.

L’organo ricettore della luce è la pelle, infatti il corpo per produrre la vitamina D, ha bisogno di assorbire dalla pelle la luce solare, ed anche tutti i sistemi energetici interni o esterni al corpo, assorbono l’energia attraverso la pelle, ed ecco che conoscere la mappatura epidermica di Giuseppe Calligaris, ci permette di aprire quelle porte necessarie a rendere il fluire della luce e della sua energia dall’esterno verso l’interno e

viceversa, potendo accedere a tutti i livelli dell’Essere.

Dopo l’anamnesi con il cliente, si effettua il test delle Catene Lineari, si procede con i

l trattamento delle Complementari Antagoniste (esempio è ipersensibile Odio trattiamo Amore).

 

 

Il Trattamento consiste nella stimolazione dei quattro corpi, Fisico-Eterico-Astrale-Causale;

il –Corpo Fisico è riferito agli organi e la somatizzazione, il Corpo Eterico è la batteria vitale del corpo fisico, risuona con gli istinti e le emozioni ed è parte attiva del processo di somatizzazione, il Corpo Astrale è l’abito dei sentimenti, dei sensi e dei pensieri-psiche, il Corpo Causale è la coscienza o Anima, la parte spirituale-Sé.

Variando gli hertz, il Dermoriflessologo ha il compito di osservare

 e condurre il cliente, attraverso tecniche di rilassamento introspettivo, a comprendere l’origine del disagio, insito a livello inconscio. Diventare osservatore che guida il cliente ad osservarsi e ascoltarsi, dove le sensazioni, le immagini e i ricordi che emergono dall’inconscio, trovano comprensione e elaborazione.

 

Al termine del trattamento, se necessario, vengono posizionate le spirali metalliche (nel caso in immagine è rame ricoperto d’argento), per mantenere il lavoro fatto durante la sessione.

 

 

Oltre alle Catene Lineari, ci sono campi cutanei e Placche, che sono delle vere e proprie porte che conducono al Sè interiore.

Durante il trattamento delle placche, emergono memorie connesse al tipo di placca che stiamo stimolando, per esempio se trattiamo la placca dell’Albero Genealogico o di figure connesse ad esso, come i genitori, nonni, bisnonni, affiorano ricordi connessi a tale placca.

Può sembrare di secondaria importanza l’influenza del nostro passato e quello dei nostri antenati, ma proprio come a livello genetico si tramando malattie e tratti somatici, è semplice associare che il genetico è pur sempre genealogico, e come vengono tramandate e ereditate abitudini e doni, anche le catene e i traumi irrisolti influenzano direttamente la nostra vita…

Ci sono una infinità di placche e quindi di possibilità di lavoro, è possibile fare costellazioni interiori grazie a quelle genealogiche, possiamo ripercorrere la nostra linea temporale grazie a quelle della memoria degli anni , ricapitolare e ricordare sogni dimenticati, stimolare aspetti metafisici, emozioni e sentimenti specifici quali la felicità e l’entusiasmo … e molto più di quello che la mente può immaginare.

La stimolazione Dermoriflessologica continua anche dopo il trattamento, attraverso il mondo onirico (sogni), infatti è come se effettuassimo una telefonata all’inconscio polarizzata in base alle catene lineari stimolate, o placche, trattate.

I messaggi simbolici che l’onirico darà avranno poi interpretazione, al fine di comprendere maggiormente i messaggi inconsci.

I test e i trattamenti eseguiti, i sogni e ciò che emerge durante le stimolazioni, ci permetto di orientarci all’ascolto dell’inconscio, che ci conduce al Sè, e passo dopo passo, diventare sempre di più noi stessi.

Stefano Botti Dermoriflessologo Professionista